Quattro giorni in cima al News Feed: storia del post di Facebook perfetto

L’evoluzione verso l’algoritmo EdgeRank di Facebook è ormai stata assorbita. “Proporre contenuti di qualità”, questo il mantra della compagnia di Menlo Park. Ecco, ma cos’è che il social network di Mark Zuckerberg intende con ‘qualità’?

Margarita Noriega, di professione social media manager, ha provato ad ‘ingannare’ Facebook. Lo ha fatto attraverso un aggiornamento di stato testuale (tra gli strumenti ‘preferiti’ di EdgeRank), che conteneva una serie di parole chiave.

Traducendo testualmente:

Ragazzi, ho una grande novità riguardo la mia famiglia e i miei amici! Congratulazioni! Facebook potrebbe o non potrebbe mostrarvi questo post. Ma parole chiave come bambino, matrimonio, “sono fidanzata” e “nuovo lavoro” potrebbero finire in cima al vostro News Feed. Quindi lo sto testando!!!

I RISULTATI DEL POST

Attualmente, il post ha 173 like e, secondo la testimonianza di molti degli amici su Facebook di Margarita Noriega, è rimasto in cima alle notizie per ben 4 giorni. Il motivo? Secondo la social media manager è molto semplice. L’utilizzo di parole come ‘lavoro’, ‘bambino’ e ‘matrimonio’ ha fatto schizzare in alto la visibilità del post, perché considerato da Facebook positivo e, quindi, di sicuro interesse per gli amici.

Secondo Taylor Lorenz, numero 1 dei social media al Daily Mail, l’aggiornamento di stato ha creato una sorta di loop. “Lo status continuava ad apparire nel News Feed delle persone. Questo ha spinto la gente a commentarlo, così da farlo restare ancora in cima”.

PAROLE CHIAVE O INTERAZIONI?

Ciò che resta da capire è cosa abbia influito di più al posizionamento dello status in cima al News Feed. Sappiamo, infatti, che Edge Rank premia soprattutto i post con più interazioni, a prescindere dalle parole chiave. Insomma, è possibile che, alla notizia dell’esperimento della Noriega, il supporto degli amici attraverso like e commenti abbia contribuito in misura molto maggiore rispetto alle parole chiave utilizzate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *