Italiani e social media, Facebook e Storie i più utilizzati

Quali social network usano gli italiani e perché?

A rivelarlo è la terza indagine di Blogmeter sulle abitudini di utilizzo dei social in Italia. Se Facebook è in testa alla classifica e sembra non avere rivali, le storie, soprattutto su Instagram, sono sempre più apprezzate: 1 italiano su 3 le preferisce ai post e ben la metà dei giovanissimi tra i 15 e i 24 anni è interessato a guardare contenuti che durano il tempo di una giornata. La curiosità è il motivo principale che spinge le persone ad utilizzare i social network.

I SOCIAL E LE APP PIÚ UTILIZZATE

Il social network più utilizzato è Facebook: ben il 91% di utenti ha un profilo sulla piattaforma di Zuckerberg. Seguono YouTube (89%) e Instagram (71%), quest’ultimo in crescita rispetto al 2017 e al 2018. Rispetto al biennio precedente è in crescita anche Pinterest, utilizzato dal 42% degli utenti, mentre è in leggero calo Twitter.  Ad affermarsi sono quindi i social che comunicano le immagini.

Il servizio di messaggistica più popolare, di cui il 96% degli utenti ha dichiarato di utilizzare l’applicazione, è WhatsApp, seguito da Messenger (80%), la piattaforma di messaggistica istantanea di Facebook. Più distanziata Skype, in calo rispetto agli anni passati, con il 60% di utenti.

Blogmeter - Quali social usiamo

Fonte: Blogmeter “Italiani e social media”

FREQUENZA DI UTILIZZO

L’analisi di Blogmeter, distingue tra due tipologie differenti di social in base alla frequenza di utilizzo.

I “social di cittadinanza”, usati più volte a settimana, contribuiscono a definire le nostre identità di relazione. Tra questi spicca Facebook seguito da YouTube e Instagram, e Pinterest. La stessa funzione è propria di servizi di messaggistica come WhatsApp, Messenger e Telegram, utilizzati più volte al giorno dagli utenti.

I “social funzionali”, invece, vengono utilizzati occasionalmente per soddisfare un bisogno specifico. È il caso di TripAdvisor, punto di riferimento online per le recensioni, e Skype, un servizio che dal 2003 viene utilizzato soprattutto per le videochiamate.

I social propriamente “giovani” come TikTokSnapchat e WeChat, non rientrano in una delle due categorie. Infatti, pur avendo una buona penetrazione nella popolazione generale, non hanno ancora una connotazione fortemente di cittadinanza o funzionale.

IL BOOM DELLE STORIES

L’edizione 2019 di “Italiani e Social Media” ha introdotto una sezione dedicata alle stories su Facebook e Instagram.

Dall’indagine emerge che il 32% degli Italiani preferisce guardare stories anziché leggere un post. Molto seguiti, di conseguenza, i personaggi, diventati un punto di riferimento dei social: gli influencer. Questi ultimi sono i profili più seguiti, musicisti e personaggi televisivi sono nettamente distanziati tra le preferenze degli utenti.

IMG - Social Icon

Fonte: Blogmeter “Italiani e social media”

I più citati e quindi i più conosciuti sono i Ferragnez, ovvero la coppia composta dalla fashion blogger Chiara Ferragni e dal rapper Fedez, che proprio su Instagram raccontano la loro quotidianità e che hanno deciso di condividere con i follower tutti i momenti del loro matrimonio.

Al secondo posto, ancora la Ferragni, fondatrice del blog “The Blonde Salad” che supera il marito per numero di follower. Segue il calciatore della Juventus, Cristiano Ronaldo che si piazza al terzo posto, superando di poco Clio Zammatteo, diventata famosa grazie ai suoi tutorial e meglio conosciuta come ClioMakeUp.

 

PERCHÉ USIAMO I SOCIAL

Quali motivi spingono le persone a trascorrere il loro tempo sui social network? La piattaforma che soddisfa diversi tipi di bisogno degli utenti è Facebook “il social media più multitasking di tutti”, precisano gli analisti di Blogmeter.

La ragione principale che spinge gli Italiani a utilizzare i social media è leggere i contenuti altrui. Lo fanno soprattutto i più giovani, nella fascia di età 15-24 anni, ovvero la Generazione Z.

Facebook viene utilizzato prevalentemente per informarsi, condividere momenti e leggere o guardare recensioni; YouTube per svago e per trovare stimoli e idee, mentre Instagram si conferma il canale più amato per seguire la vita quotidiana delle celebrities.

Blogmeter - La top 3 dei social pe funzione

Fonte: Blogmeter “Italiani e social media”

 

E-COMMERCE E PUBBLICITÀ SUI SOCIAL

Diversi rispetto agli anni precedenti i dati relativi alla percezione degli utenti nei confronti della pubblicità sui social network. Se fino allo scorso anno, gli spot su YouTube risultavano interrompere l’esperienza d’uso per il 75% degli intervistati, mentre la pubblicità era ritenuta neutra su Facebook e Instagram (rispettivamente per il 33% e il 34%), dall’ultima ricerca risulta che la percezione di utilità è cresciuta per tutti e tre i canali analizzati (+19% per Facebook, +7% per Instagram e +10% per YouTube). Colpire il proprio target, in modo sempre più mirato, quindi, si rivela una strategia vincente.

Fare shopping online è ormai un’abitudine consolidata: il 90% degli intervistati dichiara di aver comprato prodotti e servizi tramite e-commerce, mentre il 50% pensa di voler acquistare di più l’anno prossimo. Il 34% degli intervistati afferma di acquistare tutte le volte che se ne presenta l’opportunità e solo il 10% di farlo raramente o mai. I beni e i servizi più acquistati online sono: elettronica e informatica, abbigliamento, viaggi e vacanze; aumentano le categorie giardinaggio e fai-da-te e la consegna di pasti a domicilio. Rispetto all’indagine precedente, si riscontra un boom del settore assicurativo, con un +23% di acquisti.

Lo shopping sul web

Fonte: Blogmeter “Italiani e social media”

Prima di fare acquisti, ci si informa sui motori di ricerca e sui siti di vendita online, ma anche su siti di recensioni e forum specializzati. Facebook, Instagram e YouTube, nelle sezioni dedicati agli acquisti online, sono utilizzati soprattutto dagli utenti “addicted” (un target cosiddetto “emerging”), coloro che possiedono più di 7 profili social.

 

LA RICERCA

L’indagine condotta da Blogmeter, piattaforma di social intelligence specializzata in ricerche di mercato, nel mese di maggio 2019 ha preso in esame un campione rappresentativo di 1.510 residenti in Italia, iscritti ad almeno un social network e di età compresa fra i 15 e i 64 anni.

La ricerca tra conferme e novità mette in luce le motivazioni che spingono gli Italiani ad utilizzare i social e permette di comprendere come mutano le preferenze degli utenti negli anni. Facebook resta il social preferito, crescono Instagram e YouTube, percepito ormai come social network e non solo come piattaforma per la visualizzazione di video, sempre più attraenti i social che privilegiano le immagini rispetto al testo.

Aggiornato il 24 giugno 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *