DHL Live, business e community. Il brand journalism della logistica

DHL Live è il sito di informazione ideato da DHL Express Italy che da un lato suggerisce alle PMI occasioni di sviluppo e dall’altro crea le fondamenta per una community virtuale. Per stare al fianco di chi fa business, ma anche al fianco degli utenti che vogliono interessarsi delle attività quotidiane di uno dei leader mondiali delle operazioni di logistica.

Brand journalism significa soprattutto divenire editori di se stessi, raccontandosi all’esterno. E quale miglior modo se non utilizzando la voce, il volto e il corpo dei propri dipendenti? Da qui la sezione “DHL siamo noi”, dove – ad esempio – key account desk manager come Roberto Spreafico illustrano ai non addetti ai lavori in cosa consiste il proprio lavoro e in che modo le proprie attività contribuiscono a migliorare l’esperienza dei clienti. Storytelling duro e puro che si pone l’obiettivo di inscrivere il brand in un frame molto più umano.  Oltre a raccontare se stessa, DHL ha anche cercato di inserire il proprio brand in un flusso di notizie di più ampio respiro. Ovviamente,  sempre nei margini del proprio universo di riferimento, cioè nell’ambito dell’impresa, del business e della tecnologia. Ogni mattina le “Morning News” propongono le 5 notizie più rilevanti delle aree interessate, con un focus speciale sulle eccellenze nostrane nel mondo.

Il tutto, sempre nell’ottica di mantenere alto l’interesse delle PMI. Perché? Perché DHL vuole produrre e distribuire contenuti rilevanti per quell’ampia fascia di potenziali clienti che potrebbero, un giorno, chiedere il suo supporto logistico. Non si tratta di vendere – perché l’advertising tradizionale così come l’abbiamo conosciuto non funziona più -, bensì di attrarre nella propria rete utenti il cui interesse, un giorno, potrebbe tradursi in denaro contante.

Oltre alla trattazione, online, dei temi pregnanti per l’azienda, DHL si è anche occupata di organizzare, offline, eventi di rilievo. Come accaduto nel maggio 2013, quando in occasione del centenario della nascita di Pietro Barilla, ha organizzato una cooking experience presso l’Accademia Barilla invitando clienti del calibro di Lamborghini e Ducati. Un modo curioso per dimostrare ad una platea potenzialmente più ampia quanto fosse possibile applicare all’ambito culinario i dogmi della propria azienda: organizzazione, competenza, metodo.

L’azienda, tra le altre cose, è stata protagonista di recente di una massiccia campagna di guerrilla marketing grazie allo scherzo tirato ai diretti competitor. Ad alcuni corrieri espresso è stata affidata la consegna (verso mittenti fittizi) di alcuni pacchi grandi e scuri. Attraverso l’utilizzo di un reagente termico il pacco è stato reso opaco all’esterno, di modo tale da celare una scritta – “DHL IS FASTER” – che sarebbe ricomparsa a seguito degli sbalzi di temperatura. Finale? Compagnie di logistica come UPS, TNT e DPD hanno indirettamente fatto promozione a DHL.  Qui di sotto vi riportiamo il video.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *